No, il citofono no. Almeno non qui in Toscana. Dopo la sconfitta di domenica in Emilia-Romagna, nella Lega toscana sta crescendo l’insofferenza – un leghista d’antan la chiama proprio “ribellione” – per la strategia elettorale di Matteo Salvini, dopo quella della vicina roccaforte rossa. La scenetta del citofono al presunto spacciatore e lo sberleffo nei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Slalom Pd, tra pressing su Bonafede e stop a Iv

prev
Articolo Successivo

“Lei spaccia?”, via il video. Si muove la Privacy

next