Il frastuono dei clacson in sottofondo, il tintinnio della vita che scorre in una polverosa mattina africana, un rumore di stoviglie e un bambino che piange accanto al telefono quando una voce risponde a Dakar, Senegal, e la prima parola che dice è “merci”. Mina la voilée, Mina “la velata”, ultima rivelazione musicale dell’Africa ovest, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il destino di un calciatore: dal campo ai lager nazisti

prev
Articolo Successivo

Giorno della Memoria: ecco come il Parlamento disse sì

next