A Manaus, nel bel mezzo della Foresta Amazzonica brasiliana, c’è un punto in cui si incontrano due fiumi: uno più caldo e scuro (Rio Negro), l’altro più freddo e trasparente (Rio Solimoes). Quando confluiscono e diventano un unico fiume, quel fiume, il Rio delle Amazzoni, resta di due colori per molti chilometri. Giallo da una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Non siamo tifosi, aiutiamo l’uomo del Pd”

prev
Articolo Successivo

“Siamo riformisti per natura. Ma ora serve un progetto”

next