Comincia come una biografia ordinaria, i faticosi inizi, i contatti con i discografici, qualche trucco di marketing per farsi notare nella schiera di aspiranti celebrità pop, come cambiarsi il nome per attribuirsi un tocco di mistero. Ma il graphic novel dedicato a David Bowie diventa presto un’altra cosa, come inevitabile visto il protagonista. I dettagli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La nuova vita dei classici del Mantegna

prev
Articolo Successivo

Il consenso spiegato ai bimbi (con i toni del gioco)

next