Da due mesi, il boss che conosce i misteri delle stragi del 1992 e del 1993, Giuseppe Graviano, dice di voler parlare al processo ’Ndrangheta stragista che si tiene a Reggio Calabria. Per rispondere alle domande dei pm e della Corte d’assise che lo sta giudicando però ha posto una condizione: vuole ascoltare prima le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

I soldi e l’appunto per il giudice: le “anomalie” su Mediolanum

prev
Articolo Successivo

Lo stato delle mafie nel rapporto Dia

next