Esiste un nesso causale tra l’uso prolungato del cellulare e il tumore. L’ha ribadito ieri la Corte d’appello di Torino sul caso Romeo contro Inail, confermando la sentenza di primo grado di Ivrea del 2017 e una più antica sentenza del 2012, pronunciata dalla Corte di Cassazione di Brescia su un caso simile, legato a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Lavoravano in un’azienda pubblica, ma oggi in 40 diventano precari

prev
Articolo Successivo

“Abusavo di 5 bimbi a settimana”

next