Karen Armstrong sa quando il testo sacro deve farsi arte, e quando invece nutrirlo di rigore filologico. Nel suo ultimo libro, The Lost Art of Scripture (Knopf, 2019), prova ad alternare i due approcci, con una tesi che è praticamente un manifesto: il rischio delle religioni – quelle maggiori le esamina tutte, con perizia – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Sergio Lepri e i cento anni di giornalismo: “Grazie della lezione”

prev
Articolo Successivo

Staino narra il giovane Gesù: “Studente a casa di papà”

next