Torino Gli appetiti della ’ndrangheta per la Torino-Lione non sono mai finiti. I lavori dovevano continuare. Sei anni dopo l’inchiesta “San Michele”, a dimostrare questo interessamento c’è una conversazione riassunta nell’ordinanza di custodia cautelare sugli arresti di otto persone avvenuti a Torino venerdì mattina nell’operazione “Fenice” della Guardia di finanza, quella che ha condotto in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Pd e Iv dicono no: niente pacchetto digitale

prev
Articolo Successivo

“Al Nord la politica nega ancora la mafia, ma ora basta scuse”

next