L’inchiesta

Il presunto boss a Torino: “Ho parlato del Tav con FI”

’Ndrangheta in Piemonte - I clan erano interessati ai lavori dell’Alta velocità in val di Susa. Così parlava Garcea: “I giudici li metterei su una barca e sparerei”

22 Dicembre 2019

Torino Gli appetiti della ’ndrangheta per la Torino-Lione non sono mai finiti. I lavori dovevano continuare. Sei anni dopo l’inchiesta “San Michele”, a dimostrare questo interessamento c’è una conversazione riassunta nell’ordinanza di custodia cautelare sugli arresti di otto persone avvenuti a Torino venerdì mattina nell’operazione “Fenice” della Guardia di finanza, quella che ha condotto in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione