Va rimpianta la vecchia spartizione di un tempo che tutto aggiustava e incastrava. Adesso la politica s’inceppa pure per le nomine del Garante per la Privacy e per l’Autorità per le Comunicazioni (Agcom) e s’inceppa da mesi e dichiara la sua pericolosa impotenza con l’ennesima proroga per decreto di governo. Così i commissari di Privacy […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Casellati brinda alla stampa ma solo se non parla di lei

prev
Articolo Successivo

La commissione d’inchiesta sulle banche slitta di nuovo

next