Operazioni per oltre 450 mila euro compiute tra il marzo 2013 e l’aprile 2018, quando Matteo Salvini era segretario della Lega. Secondo i pm genovesi sarebbero una fetta dei 49 milioni che gli inquirenti cercano da anni nelle casse del Carroccio. Nell’inchiesta sul tesoro scomparso della Lega arriva il primo indagato: Stefano Bruno Galli, assessore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Querele ai giornali, Malavenda: “Con la minaccia il potente parte avvantaggiato”

prev
Articolo Successivo

Umberto B., parabola di un leader dimenticato

next