Matteo fortissimamente volle. “La sigla della sua trasmissione a Radio Padania era una nostra canzone: Il vento del nord. Non ci azzeccava nulla con la secessione, l’indipendenza, le cose leghiste. Parlavamo di fiori. Ma a lui bastava il titolo, la sola suggestione. È il suo animo così. Non va al fondo delle cose, non spiega, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Sardine romane: “La nostra piazza aperta a tutti, pure a CasaPound”

prev
Articolo Successivo

Indagine degli Usa su Bruno Caparini: “Turbina ai russi in violazione dell’embargo”. Il leghista amico di Bossi nega: “Non sono io”

next