Èla settimana che comincia domani quella che costringerà il governo a mettere mano a un’altra spina nel fianco finora evitata come la peste: la riforma “bavaglio” delle intercettazioni targata Orlando, mai entrata in vigore. Accadrà a gennaio. Sul tavolo del ministro Alfonso Bonafede, infatti, ci sarà la lettera dei principali procuratori che esprimono preoccupazione per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Testatina

prev
Articolo Successivo

Il brindisi di Casellati con l’amica stilista e il figlio condannato

next