Lo scontro tra Pd e Cinque Stelle sulla riforma della prescrizione si è appena placato, ma c’è subito un’altra mina che rischia di dividere la maggioranza giallorosa. È la riforma delle intercettazioni targata Andrea Orlando, che da Guardasigilli la firmò all’epoca dei governi Renzi e Gentiloni. Un testo finora congelato dal suo successore, il ministro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Testatina

prev
Articolo Successivo

“Blocchiamo subito la prescrizione e poi sveltiamo i processi”

next