“La Fondazione nello statuto spiegava cosa faceva: chi donava soldi lo sapeva, tutto trasparente, con i bonifici online e tutto tracciabile, come le spese”. A Milano per l’assemblea di Base Riformista, l’area del Pd che riunisce gli ex renziani rimasti nel partito, Luca Lotti si discosta da quella che definisce “l’impostazione data dai pm” nell’indagine […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’amico del prestito, la nomina e l’affare del nuovo stadio viola

prev
Articolo Successivo

“Renzi ha avuto la notizia da Bankitalia”

next