Io non perdono, e non dimentico. Ma non odio. Faccio mie le parole di Primo Levi citate venerdì scorso dalla senatrice Liliana Segre, alla Bocconi di Milano. In troppi minimizzano l’antisemitismo italiano e voltano le spalle. In pochi si rendono conto che questa indifferenza è pericolosa, come l’insofferenza verso chi denuncia i rischi e le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Nostalgia Gazzetta e lettori masochisti

prev
Articolo Successivo

Qui c’è gente come Franco Nisticò, che lotta fino alla morte

next