A Venezia i centimetri contano. Quindici, venti in meno, martedì scorso, avrebbero impedito che l’acqua entrasse nella cripta della basilica di San Marco. È accaduto soltanto 6 volte in 1200 anni. La simulazione effettuata in quelle ore all’interno del Consorzio Venezia Nuova, tra qualche giorno, è destinata a dimostrare che si sarebbe potuto evitare. I […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Cattiveria

prev
Articolo Successivo

Le facce da Mose sul luogo del disastro: “E lo Stato che fa?”

next