Quando è arrivato alla Bce, otto anni fa, Mario Draghi ha ereditato una banca centrale impotente e screditata, che aveva fatto troppi errori – incluso quello di alzare i tassi di interesse nel pieno di una crisi globale – e assisteva impotente al collasso del progetto politico di cui era custode, quello della moneta unica […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“Ora raddoppiate gli sforzi”: l’ultimo messaggio del signore del Dark Web

prev
Articolo Successivo

Berlino non insegna: nel mondo 170 muri

next