Tra due settimane sapremo se i dati contenuti nei cellulari del professor Joseph Mifsud, compresi eventuali contatti con i servizi segreti italiani, saranno divulgati o no. Per ora sappiamo solo che gli apparecchi del personaggio chiave del caso Russia-Gate sono nelle mani del Dipartimento di Giustizia americano. Sappiamo anche che sono due Blackberry (un vecchio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Per blindare Bonaccini, il Pd offre la Campania

prev
Articolo Successivo

Csm, slitta voto sulla Dna dopo proposta Ardita e Di Matteo

next