Un Dna sconosciuto. Un passaporto cileno. Tre covi di terroristi, rossi e neri, in palazzi di proprietà dei servizi segreti. Sono questi gli ultimi ingredienti del cocktail forte servito all’ultimo processo sulla strage di Bologna. Rivelazioni & depistaggi, nuove scoperte e vecchie bugie sono abilmente mixate in aula e sui giornali. Nel processo, imputato unico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Vassallo, delitto per ‘amici’. E qualcuno era in uniforme”

prev
Articolo Successivo

“Fabrizio e l’automobile accesa pronta per fuggire…”

next