Lo scandalo nomine che ha fatto precipitare il Csm sull’orlo dello scioglimento non ha provocato tra i magistrati una valanga di indignazione assoluta se si guarda ai risultati delle elezioni suppletive per scegliere due togati in “quota” pm. Il più votato è stato Antonio D’Amato di Magistratura Indipendente, la corrente conservatrice, insieme a quella centrista […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ergastolo ostativo, dopo l’Europa il rischio Consulta

prev
Articolo Successivo

“La mafia resta aggressiva, i giudici devono poter valutare caso per caso”

next