I verbali

Da Dell’Utri ai soldi di Lega e Forza Italia: così parlò Caianiello

Tangenti lombarde - Il “burattinaio” racconta

8 Ottobre 2019

“Vorrei manifestare la mia volontà di iniziare una collaborazione perché voglio cambiare vita e tagliare i legami con le persone con le quali ho condiviso il mio percorso politico”. Carcere milanese di Opera. Interno giorno. Nino Caianiello, il presunto puparo del tangentificio Lombardia, ha appena finito la frase. Sono le 14:33 del 3 settembre. Davanti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui