Parte con un sorriso: “In questi due giorni ho apure cantato, ho dato davvero tutto”. Rientrato a Roma dal week-end di campagna elettorale in Umbria, Luigi Di Maio ha voglia di scherzare. Ma soprattutto gli preme fissare paletti. In mattinata ha detto: “Sui giornali ho letto troppi annunci: prima di dire, facciamo”. E da lì […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Domani via 345 parlamentari. È l’ultima battaglia anti-casta

prev
Articolo Successivo

“Addio Razzi & C. Ora solo candidati seri”

next