Non era già tutto previsto per Riccardo Cocciante perché “non ho mai chiesto di diventare un cantante e di salire su un palco: non ero in grado, troppo timido, chiuso, anche complessato; sono stati gli altri a coinvolgermi e dopo avermi ascoltato e visto; sono gli altri ad avermi portato ai provini, e mi hanno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Baghdad, le rivolte e il “complotto sionista”

prev
Articolo Successivo

Jojo Rabbit, la risata da Oscar per seppellire (ancora) Hitler

next