Bocciati senza appello, prima ancora di arrivare alla prova d’esame. Questa la sorte toccata alla romena Rovana Plumb, commissaria designata ai Trasporti, e a Lazlo Trocsanyi, indicato dal governo ungherese come responsabile all’Allargamento. Per loro, la commissione giuridica del Parlamento europeo, incaricata di eseguire una selezione preliminare, ha rilevato il rischio concreto di “conflitto di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Kurz, il golden boy ammalia senza essere un sovranista

prev
Articolo Successivo

Kievgate, Trump contro la talpa: “Voglio incontrarla”

next