Diffidare degli artisti che citano i filosofi – Hegel, poi – nelle note di regia: vale anche per il molto incensato Milo Rau, regista e autore svizzero, classe 1977, nonché fresco direttore di NTGent in Belgio. Ospite della 34esima edizione di Romaeuropa festival (in corso fino al 24 novembre) e di prossimo ritorno all’Argentina di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Yesterday. Nessuno sa più chi furono mai questi Beatles

prev
Articolo Successivo

“Fleabag”, un sacco di pulci nelle mani di un’unica donna: Phoebe Waller-Bridge

next