Forse per dare un tono a un’operazione che non avrebbero mai avviato in condizioni normali, hanno scomodato l’inglese e la chiamano second opinion. Si tratta di questo: per le ispezioni di ponti e viadotti sui tremila chilometri della sua rete, la società Autostrade dei Benetton abbandona obtorto collo il vecchio sistema tutto casalingo usato per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Castellucci ricoperto d’oro: oltre 13 milioni per lasciare

prev
Articolo Successivo

Il cinismo dei padroni per salvare la baracca e fingersi “sotto choc”

next