Caro presidente Conte, le scrivo all’indomani della sua visita nelle zone terremotate dell’Italia centrale, in particolare ad Arquata del Tronto, Accumoli, Castelsantangelo sul Nera. Ha avuto modo così di verificare ancora una volta direttamente il disagio delle popolazioni per i ritardi accumulati nella ricostruzione. Certo, molto è stato fatto, ma ancora tanto c’è da fare, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“Pochi ispettori, giustizia lenta. Così troppi morti sul lavoro”

prev
Articolo Successivo

Amazon, “Signorsì, mister!”. Assume manager ma li vuole militari

next