Allontanare la Bulgaria dall’Europa e dagli alleati occidentali per riavvicinarla alla Russia. Era il compito complesso di Nikolai Malinov, 50 anni, capo dell’ong ‘Aquila a due teste’ e del Movimento nazionale “Russofilo”, ora accusato di spionaggio a Sofia. Tacciato di lavorare per l’intelligence di Mosca, “Malinov è accusato di essere al servizio di organizzazioni straniere, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Hong Kong come Berlino: è la nuova guerra fredda”

prev
Articolo Successivo

Il libro “verità” di Ramadan sul caso degli abusi sessuali: i giudici danno il via libera

next