Parlamentari, studiosi, vacanzieri ed emarginati. Sono i nuovi ospiti dei conventi e monasteri dismessi dagli ordini religiosi a causa del calo delle vocazioni negli anni. Una seconda vita per edifici storici, spesso con centinaia di anni, destinati ora ad accogliere una diversa umanità. L’addio di monaci, frati e suore ha spinto il Vaticano e gli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ombre sui conti: il Papa caccia il dg del Bambin Gesù

prev
Articolo Successivo

La Madonna di Polsi in processione con inchino al boss, ma in Liguria

next