Continuano i bombardamenti nell’area di Tripoli condotti dall’esercito di Haftar contro il governo di Serraj, riconosciuto dalla comunità internazionale, ma da ieri per scongiurare sequestri e attacchi verso i pescherecci italiani è operativo un accordo economico tra la Federpesca e una delle società controllata da uomini di riferimento del generale re della Cirenaica, la ricca […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Franceschini promuove ancora il suo Casini

prev
Articolo Successivo

Elezioni Russia, Putin è un po’ meno zar. Flop a Mosca e a Oriente

next