Almeno 148 terre indigene sono state devastate dai roghi. I popoli nativi della foresta amazzonica ritengono che Jair Bolsonaro sia in parte responsabile degli incendi e accusano il presidente brasiliano di aver tardato a inviare l’esercito nelle aree in fiamme. “È stato terrificante. Le fiamme erano alle porte dei nostri villaggi. C’era tanto fumo, non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Greco: “Nelle cassette di sicurezza un tesoro su cui mettere le mani”

prev
Articolo Successivo

Fermare le stragi negli Usa si può, ma tocca alle aziende

next