La maggior parte di loro, non se n’è mai andata. E ha vissuto i quattordici mesi del “cambiamento” senza troppi scossoni. Ma adesso che è arrivata la stagione del governo giallorosa, molto è perdonato. E si spalancano le porte perfino per quel Roberto Garofoli che meno di un anno fa era stato invitato alle dimissioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Regole Ue, a trattare ora c’è il paladino della flessibilità

prev
Articolo Successivo

Umbria, salta asse Pd-5S? “Così non va”

next