“Gaudenzi non lo vedo da diversi anni, fa il nome del gruppo dei fascisti di Roma nord, gruppo che non esiste nemmeno come sigla. È impazzito oppure è manovrato”. Maurizio Boccacci, storico capo dei fascisti dei Castelli Romani, poi del Movimento politico e di Militia, si scaglia contro l’ex amico e camerata Fabio Gaudenzi, detto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La vignetta di Mora 0409

prev
Articolo Successivo

Sequestri e supermulte per le navi delle Ong

next