C’è Matteo Salvini, certo, e vedere la sua metamorfosi dalla console del Papeete al rosario baciato di nascosto in Senato è sufficiente a rendersi conto dello stato di salute della Lega. Ma ci sono anche i suoi scudieri, Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari, l’uno capogruppo in Senato e l’altro alla Camera, che da qualche giorno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

S’io fosse Conte lo ringrazierei, s’io fosse Giorgia m’incazzerei

prev
Articolo Successivo

A Prodi non basta il governo: “Duri l’intera legislatura”

next