L’ultima iniziativa del governo ha fatto saltare i nervi a chi già protesta da dodici fine settimana a Hong Kong: si tratta di lampioni tecnologici in grado di registrare ogni movimento nelle strade. Così a Hong Kong ieri si è replicato lo scenario di botte, lacrimogeni e inseguimenti, un film che si ripete ogni volta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Il “Centro E”, l’arma segreta di Putin contro gli oppositori

prev
Articolo Successivo

La “lobby del bue” in Amazzonia non fa prigionieri

next