“Il nodo è uno solo: il nome del premier”. Un dirigente del Pd zingarettiano a fine pomeriggio sintetizza così lo stato dell’arte. Confuso e complicato, perché Cinque Stelle e democratici cercano un’intesa, ma la via per Palazzo Chigi è stretta. Un ruolo per cui sono tre i nomi che circolano: Giuseppe Conte, Luigi Di Maio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Mannelli 2508

prev
Articolo Successivo

Casaleggio & C. in allarme: i social M5S contro l’intesa

next