Lo Stato si è piegato e ha consentito l’omaggio a un signore della droga tra saluti romani, applausi e fumogeni. È successo ieri a Roma, dove si sono celebrati i funerali di Fabrizio Piscitelli, capo storico del tifo laziale, ma non solo, ucciso nel Parco degli Acquedotti il 7 agosto scorso. Piscitelli era indagato in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Funerali Diabolik, gli ultrà comandano la cerimonia

prev
Articolo Successivo

Il mito di Massud ormai fuori tempo

next