Raggiungere la Spagna, per Open Arms, è “impossibile”. Troppi i giorni di navigazione per l’equipaggio e i migranti già estremamente provati dai 18 giorni trascorsi a bordo della nave. Un nuovo viaggio che secondo Oscar Camps, fondatore della ong spagnola, sarebbe reso ancor più complicato dalle avverse condizioni meteorologiche. Il “no” della Ong, in realtà, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La Open Arms non si muove. Sullo sbarco tutti contro tutti

prev
Articolo Successivo

In Italia pure le donne sono schiave del modello maschile

next