“Il ponte Morandi, viste le sue condizioni di salute, era ancora idoneo a rimanere aperto senza limitazioni?”. A un anno dal crollo è la domanda che si pone il procuratore di Genova, Francesco Cozzi, che ieri ha fatto il punto sull’inchiesta. In pratica gli inquirenti stanno cercando di stabilire se le condizioni della struttura non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

E Conte mette alla porta i vertici contestati di Aspi

prev
Articolo Successivo

Soldi pubblici e cemento: così Toti sfrutta l’emergenza

next