Alla fine la conferenza dei capigruppo del Senato serve soprattutto a scattare la fotografia della nuova, inedita composizione del Parlamento italiano: da una parte il vecchio centrodestra (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia) che vuole correre alle urne. Dall’altra l’asse trasversale degli anti-Salvini, l’unione estemporanea di Cinque Stelle, Pd e gruppo misto (LeU, Radicali, ex grillini, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Vuoti poteri

prev
Articolo Successivo

E Matteo si gioca un’altra carta: via tutti i ministri

next