Paola De Micheli sta a Zingaretti come Pina Picierno stava a Matteo Renzi. Già questo basterebbe per fotografarla, ma forse c’è di più. Se è vero che De Micheli ha più struttura dell’altra, per il semplice fatto che il contrario è impossibile, è altrettanto inoppugnabile che la mitologica Pina, nella sua fiera e inconsapevole evanescenza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Mora

prev
Articolo Successivo

Hong Kong. La Cina parla di “terrorismo” per giustificare una più drastica repressione

next