A metà di giugno, Massimo D’Alema l’aveva detto: sarà l’anno delle “scosse”. E in effetti, quella del 2009, è stata una stagione in cui ci si è annoiati poco. Non fosse altro per il suo indiscusso protagonista, l’allora premier Silvio Berlusconi, che proprio quell’estate vedrà cominciare la discesa del suo impero: sono in giorni in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Giornalisti, la guerra (persa) dei pensionati d’oro

prev
Articolo Successivo

La vita non dipende da ciò che si possiede: la vera ricchezza è Dio

next