La graticola per i ministri a 5Stelle, ovvero l’esame di fronte ai parlamentari schierati, è rimasta un’ipotesi. Ma Danilo Toninelli, il responsabile delle Infrastrutture, è lì che frigge per conto proprio: rosolato da fuoco amico e nemico con uguale intensità, perché ora la sua testa la chiedono anche dal M5S. Ovvero a volerlo cacciare non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Caos treni in tutta Italia: “Sabotaggio anarchico”

prev
Articolo Successivo

Fatto a mano di Natangelo

next