Due parole rimbombano nell’aula del Palazzo di Giustizia di Firenze: “Sudditanza psicologica”. E no, non stiamo parlando della formula da bar dello sport che ha preso sempre più piede nel mondo del calcio per parlare dei presunti favori arbitrali nei confronti delle “grandi” della Serie A. Stavolta a ripetere più volte il concetto è Luigi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La cura Salvini per Roma comincia con gli sgomberi

prev
Articolo Successivo

“Sì a Manzione consigliera di Stato”. Così l’Avvocatura smentisce Conte

next