“Noi non brinderemo, perché qui c’è poco da festeggiare. Come mamme di Revine Lago, vogliamo lasciare ai nostri figli un patrimonio più importante del prosecco, il rispetto per la nostra terra”. Lisa Trinca non si unisce al tripudio del Veneto dove dal pomeriggio di domenica 7 luglio è tutto uno stappare bottiglie, alzare calici e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Sigilli al Commissariato: proprietari legati ai boss

prev
Articolo Successivo

“Viti in collina da secoli Lavoriamo solo a mano e non usiamo i veleni”

next