Il falegname eritreo Medhanie Tesfamariam Behre non è “il Generale”, super trafficante di esseri umani, ma è stato condannato per le telefonate con altri trafficanti in Libia che servivano per aiutare il cugino a imbarcarsi verso l’Italia: questo sarebbe il suo favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, aver aiutato un parente. Ma la cosa che più conta è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)