Alberto Cirio, neo governatore di centrodestra del Piemonte, sembra uno di quei soldati giapponesi che, dopo la fine della Seconda guerra mondiale, continuarono a credere che il conflitto fosse ancora in corso e vennero poi ritrovati anni dopo, in qualche giungla, con le armi in pugno. Tanto che anche ieri, dopo l’assegnazione a Milano-Cortina delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“È la nostra rivincita” Malagò e i dinosauri alleati del Carroccio

prev
Articolo Successivo

Addio a San Siro, l’ipotesi di demolirlo fa infuriare tutti e il sindaco dice no

next