Stretti a coorte nel giubilo nazionale, petto all’infuori, l’Italia chiamò, uniti si vince, divisi si perde, mamma mia che bravi, che belli e altre amenità, una domanda birichina sovviene: quale è il colmo per un partito che ha lottato contro i grandi eventi sportivi? Conquistare e celebrare col sorriso smorzato l’assegnazione di un grande evento […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Giochi 2026 a Milano e Cortina: corsa al maxi-affare (in perdita)

prev
Articolo Successivo

La Torino di Appendino tagliata fuori col fantasma del mega-buco del 2006

next