La storia dell’immunità penale per i manager dell’Ilva di Taranto, introdotta dal governo Renzi e adesso eliminata dal governo Conte, è l’ennesima prova della bancarotta culturale di tutta la classe dirigente. La politica derapa sulle polveri dell’acciaieria dai tempi del governo Monti, ma Confindustria, sindacati, alti burocrati e grandi giuristi da sette anni si mettono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

In troppi sono ancora affamati di cibo, ma tutti abbiamo fame di vita

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Mora 2306

next