Leggi la grande Stein e pensi a Gertrude Stein, 27 rue de Fleurus, Hemingway, Picasso, the Lost Generation, l’autobiografia di tutti, o almeno di tutti i nati nel primo Novecento. Ma c’è stata un’altra, piccola grande donna di nome Stein, nella cui esistenza si concentra non una generazione ma un intero secolo. Edith Stein: tedesca […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Gasparo”, e l’avo del ’700 è protagonista

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Franzaroli

next